http://www.fallimentiesocieta.it/taxonomy/term/2 it Societario: cancellazione della società; bilancio finale non completo; competenza del tribunale; cancellazione dell'iscrizione della cancellazione della società. http://www.fallimentiesocieta.it/node/1889 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Societario: cancellazione della società; bilancio finale non completo; competenza del tribunale; cancellazione dell&#039;iscrizione della cancellazione della società. </span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Mer, 13/02/2019 - 17:19</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Tribunale di Milano. Sez. VII Civ., 27 novembre 2018 (dep. 28 novembre 2018). Giudice: NOVELLI.</p> <p style="text-align:justify"><span style="font-family:Cambria">Deve essere accolto il ricorso di creditori di una società a responsabilità limitata di cui era stata precedentemente iscritta la cancellazione dal registro delle imprese su richiesta del liquidatore, nell'ipotesi in cui venga&nbsp;dimostrato che il bilancio finale di liquidazione non riportava alcuna indicazione di un consistente credito che la società avrebbe ancora dovuto incassare per una cessione di azienda. Ritenendo che la verifica della veridicità del bilancio finale di liquidazione rientri nell’ambito del controllo “qualificatorio” assegnato al giudice del registro, il Tribunale&nbsp;ha accolto il ricorso e ordinato la cancellazione dell’iscrizione della cancellazione della società dal registro delle imprese.</span></p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/190212121342.pdf" type="application/pdf; length=3259242">190212121342.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Wed, 13 Feb 2019 16:19:21 +0000 admin 1889 at http://www.fallimentiesocieta.it Societario: concorrenza sleale c.d. "pura"; imitazione servile; inibitoria; presupposti del fumus boni juris; competenza sezioni ordinarie Tribunale; http://www.fallimentiesocieta.it/node/1887 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Societario: concorrenza sleale c.d. &quot;pura&quot;; imitazione servile; inibitoria; presupposti del fumus boni juris; competenza sezioni ordinarie Tribunale; </span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Mer, 13/02/2019 - 17:04</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Tribunale di Vicenza, Sez. II Civ., ord. 18 gennaio 2019 (dep. 21 gennaio 2019). Giudice: RISPOLI.</p> <p style="margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; text-align:justify"><span style="font-size:11.0pt"><span style="font-family:Cambria"><span style="color:#2e2e2e">Al fine del riconoscimento della concorrenza sleale di cui all'art. 2598 n. 1 c.c. per imitazione servile è necessario verificare, oltre alla sussistenza della condotta dell'imitazione e della sua idoneità a generare confusione, anche la ricorrenza degli altri elementi costitutivi, che devono ricorrere tutti congiuntamente, della capacità distintiva del segno e della sua notorietà qualificata. L'imitazione servile va riferita non alla riproduzione di qualsiasi forma del prodotto altrui, ma solo a quella che cade su caratteristiche esteriori dotate di efficacia individualizzante idonee, in virtù della loro capacità distintiva, a ricollegare il prodotto ad una determinata impresa.</span></span></span></p> <p style="margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; text-align:justify"><span style="font-size:11.0pt"><span style="font-family:Cambria"><span style="color:#2e2e2e">Ricorre il fumus boni juris per l’inibitoria cautelare ogniqualvolta sia palese l'opera di riproduzione dei medesimi ad opera di imprenditori concorrenti, specie quando l'imitazione non investa soltanto alcuni degli elementi caratterizzanti i prodotti stessi, realizzando per contro una riproduzione assolutamente fedele. <i>(Lara Tessari) (Riproduzione riservata).</i></span></span></span></p> <p style="margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; text-align:justify">&nbsp;</p> <p style="margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; text-align:justify">&nbsp;</p> <p style="margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; text-align:justify"><span style="font-size:11.0pt"><span style="font-family:Cambria"><span style="color:#2e2e2e">Sono attribuite alle sezioni ordinarie del Tribunale le fattispecie che non interferiscono, neppure indirettamente, con l’esercizio di proprietà industriale (cd. concorrenza sleale pura).</span></span></span></p> <p style="margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; text-align:justify"><span style="font-size:11.0pt"><span style="font-family:Cambria"><span style="color:#2e2e2e">Si ha interferenza tra fattispecie di concorrenza sleale e la tutela della proprietà industriale ed intellettuale ai sensi dell’art. 3 del D.Lgs. 27 giugno 2003 n. 168 sia nella ipotesi in cui la domanda di concorrenza sleale si presenti come accessoria a quella di tutela della proprietà industriale ed intellettuale, sia in tutte le ipotesi in cui ai fini della decisione sulla domanda di repressione della concorrenza sleale o di risarcimento danni debba verificarsi se i comportamenti asseritamente di concorrenza sleale interferiscano con un diritto di esclusiva (Cass. Civ. n. 21762/2013), cosicché la cognizione della sezione specializzata si configura in tutte le ipotesi in cui deve verificarsi se i comportamenti di concorrenza sleale dedotti interferiscono con un diritto di esclusiva, relativo all'esercizio del diritto di proprietà industriale o del diritto di autore.</span></span></span></p> <p style="margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; text-align:justify"><span style="font-size:11.0pt"><span style="font-family:Cambria"><span style="color:#2e2e2e">Qualora la tutela cautelare sia azionata per ottenere l’accertamento di un comportamento della resistente integrante gli estremi della concorrenza sleale per imitazione servile ex art. 2598 c.c. n.1 senza la prospettazione della lesione di un diritto di proprietà industriale ed intellettuale o d’autore, la controversia rientra tra le ipotesi di “concorrenza sleale pura”, nel senso sopra specificato, correttamente radicata dinanzi al Tribunale ordinario.<i> (Lara Tessari) (Riproduzione riservata).</i></span></span></span></p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/190212123508.pdf" type="application/pdf; length=4138238">190212123508.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Wed, 13 Feb 2019 16:04:24 +0000 admin 1887 at http://www.fallimentiesocieta.it Lavoro: Revoca del licenziamento in regime Fornero e Jobs Act; impugnazione del lavoratore; Presupposto necessario; Dies a quo. http://www.fallimentiesocieta.it/node/1882 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Lavoro: Revoca del licenziamento in regime Fornero e Jobs Act; impugnazione del lavoratore; Presupposto necessario; Dies a quo.</span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Mer, 13/02/2019 - 12:43</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Tribunale di Vicenza, 28 dicembre 2018 (dep. 2 gennaio 2019), n. 1. Giudice: CAMPO.</p> <p style="margin:5.0pt; text-align:justify"><span style="font-size:10.0pt"><span style="font-family:Verdana"><span style="color:#2e2e2e">La particolarità della revoca del licenziamento riconosciuta dall’art. 18 comma 10 L. 300/1970, rispetto al regime generale degli atti giuridici unilaterali recettizi, è nel riconoscere al datore il diritto potestativo di ripristinare il rapporto di lavoro, senza soluzione di continuità e retroattivamente, essendo indifferente la volontà del lavoratore di ristabilire il rapporto. La norma esclude inoltre l’applicazione delle sanzioni per il licenziamento illegittimo e riconosce il diritto del lavoratore di percepire la retribuzione per il periodo dal licenziamento alla revoca, anche in assenza della prestazione lavorativa.</span></span></span></p> <p style="margin:5.0pt; text-align:justify"><span style="font-size:10.0pt"><span style="font-family:Verdana"><span style="color:#2e2e2e">Nella prospettiva individuata dalla norma, l’interesse giuridico a revocare il licenziamento ed a ripristinare il rapporto di lavoro sorge solo con l’impugnazione del recesso da parte del lavoratore. La previsione del nuovo regime decadenziale disciplinato dall’art. 6 L. 604/1966, porta a individuare una fattispecie “secondaria”, articolata sull’impugnazione e sulla successiva revoca, caratterizzata dall’idoneità del licenziamento a produrre gli stessi effetti di un licenziamento valido ed efficace.</span></span></span></p> <p style="margin:5.0pt; text-align:justify"><span style="font-size:10.0pt"><span style="font-family:Verdana"><span style="color:#2e2e2e">Trasponendo questi principi sul piano della fattispecie sostanziale, deve ritenersi che gli effetti ripristinatori della revoca, stabiliti dal comma 10 dell’art. 18 L. 300/1970, presuppongano una preventiva impugnazione del licenziamento, che costituisce il presupposto necessario perché il potere di revoca esplichi i suoi effetti di ricostituzione del rapporto ex tunc.</span></span></span></p> <p style="margin:5.0pt; text-align:justify"><span style="font-size:10.0pt"><span style="font-family:Verdana"><span style="color:#2e2e2e">Nel periodo antecedente all’impugnazione l’eventuale esercizio del potere di revoca da parte del datore di lavoro non esplica gli effetti ripristinatori del rapporto in assenza del consenso del lavoratore. Valgono, per il periodo corrente fino all’impugnazione del licenziamento, i principi già elaborati dalla giurisprudenza di legittimità prima dell’entrata in vigore del comma 10 dell’art. 18. Infatti, la revoca di un atto ricettizio come il licenziamento è stata considerata come nuova proposta contrattuale di ricostituzione del rapporto, che richiede, per la sua efficacia, l’accettazione del lavoratore (cfr., ex multis, Cass. 13090/2011; per le conseguenze risarcitorie, cfr. Cass. 12102/2004; Cass. 23485/2016).</span></span></span></p> <p style="margin:5.0pt; text-align:justify"><span style="font-size:10.0pt"><span style="font-family:Verdana"><span style="color:#2e2e2e">Prima dell’impugnazione del licenziamento il ripristino del rapporto di lavoro presupporrà pur sempre una manifestazione di volontà anche da parte del lavoratore per consentire gli effetti ripristinatori del rapporto.</span></span></span></p> <p style="margin:5.0pt; text-align:justify"><span style="font-size:10.0pt"><span style="font-family:Verdana"><span style="color:#2e2e2e">Dopo l’impugnazione del licenziamento, la norma in esame (la cui speciale disciplina costituisce una deroga al regime ordinario degli atti unilaterali ricettizi, limitata ai soli casi di applicabilità dell’art. 18, in ragione delle più gravi conseguenze sanzionatorie previste da questa norma rispetto all’art. 8 L. 604/1966) configura un potere di revoca che prescinde dalla manifestazione di volontà adesiva del lavoratore ed il potere di revoca si configura come diritto potestativo, che incide sulla sfera giuridica del destinatario, attraverso il ripristino ex tunc del rapporto di lavoro.</span></span></span></p> <p style="margin:5.0pt; text-align:justify"><span style="font-size:10.0pt"><span style="font-family:Verdana"><span style="color:#2e2e2e">Questa soluzione trova conforto nell’art. 5 D. Lgs. 23/2015, che ha disciplinato l’istituto della revoca espressamente per tutti i regimi sanzionatori, compresi quelli riferibili alle imprese sotto la soglia dimensionale</span></span></span> (<span style="font-size:10.0pt"><span style="font-family:Verdana"><span style="color:#2e2e2e">ossia anche per imprese fino a 15 dipendenti).&nbsp;</span></span></span><i><span style="font-size:10.0pt"><span style="font-family:Verdana"><span style="color:#2e2e2e">(Laura Gonzo) (Riproduzione riservata).</span></span></span></i></p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/190212121733.pdf" type="application/pdf; length=7445323">190212121733.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Wed, 13 Feb 2019 11:43:16 +0000 admin 1882 at http://www.fallimentiesocieta.it Societario: Società capogruppo; polizza fideiussoria; azionabilità rapporto fideiussorio; mancanza di diritto; titolarità di interesse di fatto. http://www.fallimentiesocieta.it/node/1494 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Societario: Società capogruppo; polizza fideiussoria; azionabilità rapporto fideiussorio; mancanza di diritto; titolarità di interesse di fatto.</span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Mar, 03/10/2017 - 16:44</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Corte di Cassazione, sez. III civ., 16 maggio 2017, n. 22341, (dep. 26 settembre 2017). Presidente: SPIRITO. Relatore: FRASCA.</p> <p>Qualora una società, di cui altra persona giuridica risulti unico azionista e capogruppo, abbia stipulato una polizza fideiussoria ed insorga controversia sulla sua validità e azionabilità fra le parti del rapporto fideiussorio, “la società unica azionista e capogruppo non è titolare in astratto di alcun diritto per pretendere che venga inibito al creditore di escutere la fideiussione, in quanto la situazione di controllo azionario non dà luogo ad un rapporto di dipendenza giuridica rispetto alla vicenda del rapporto fideiussorio e, quindi, ad un diritto azionabile rispetto ad esso, ma solo ad un interesse di fatto, che, come tale non evidenzia un diritto azionabile e nemmeno la titolarità di un rapporto giuridico dipendente (che in un giudizio fra le parti della fideiussione, legittimerebbe un intervento adesivo dipendente ai sensi dell’art. 105, secondo comma, c.p.c.) oppure una congiunta azione della società partecipata e della controllante, con spendita da parte di quest’ultima della sua posizione ad instar di quella supposta da detta norma. Ne consegue che, in mancanza di contraria cosa giudicata interna, la Corte di Cassazione, investita di un ricorso che riguardi una vicenda insorta con quella congiunta azione, deve rilevare che l’azione della società unico azionista e controllante non poteva essere proposta e cassare senza rinvio quanto al relativo rapporto processuale la sentenza impugnata, a norma dell’art. 382, terzo comma c.p.c.”. (<em>Principio di diritto</em>).</p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Cass.%20Civ.%2022341.2017%20prima%20parte.pdf" type="application/pdf; length=8306170">Cass. Civ. 22341.2017 prima parte.pdf</a></span> </div> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Cass.%20Civ.%2022341.2017%20seconda%20parte.pdf" type="application/pdf; length=8703320">Cass. Civ. 22341.2017 seconda parte.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Tue, 03 Oct 2017 14:44:59 +0000 admin 1494 at http://www.fallimentiesocieta.it Societario: cessione d'azienda comprensiva anche di beni immobili; forma scritta ad substantiam scrittura privata o atto pubblico; iscrizione registro imprese; trascrizione registri immobiliari; opponibilità. http://www.fallimentiesocieta.it/node/1486 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Societario: cessione d&#039;azienda comprensiva anche di beni immobili; forma scritta ad substantiam scrittura privata o atto pubblico; iscrizione registro imprese; trascrizione registri immobiliari; opponibilità. </span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Mar, 03/10/2017 - 16:26</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Corte di Cassazione, sez. I civ., 13 luglio 2017, n. 22280, (dep. 25 settembre 2017). Presidente: NAPPI. Relatore: FICHERA.&nbsp;</p> <p>Il contratto di cessione d’azienda che comprenda anche beni immobili richiede la forma scritta ad substantiam o per atto pubblico o con scrittura privata autenticata; a fini pubblicitari, l’atto necessita di iscrizione nel registro delle imprese oltre che di trascrizione nei registri immobiliari, con lo scopo di garantirne la prevalenza rispetto ad ogni altro atto con efficacia reale. (Redazione)(Riproduzione riservata).</p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Cass.%20Civ.%2022280.2017_0.pdf" type="application/pdf; length=4389558">Cass. Civ. 22280.2017_0.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Tue, 03 Oct 2017 14:26:49 +0000 admin 1486 at http://www.fallimentiesocieta.it Societario: società; amministratore di fatto; responsabilità. http://www.fallimentiesocieta.it/node/1485 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Societario: società; amministratore di fatto; responsabilità.</span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Mar, 03/10/2017 - 16:21</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Corte di Cassazione, sez. I civ., 17 maggio 2017, n. 21567, (dep. 18 settembre 2017). Presidente: NAPPI. Relatore: MERCOLINO.</p> <p>La figura dell’amministratore di fatto si verifica tutte le volte che ci si trova di fronte ad un soggetto che abbia svolto in concreto funzioni gestorie della società in modo sistematico, pur non avendo alcuna carica o investitura. Nella specie è stata accertata la responsabilità del soggetto che in qualità di amministratore di fatto della società fallita, aveva determinato con le proprie scelte strategiche e operative il dissesto della società. &nbsp;(Redazione)(Riproduzione riservata).<br /> &nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Cass.%20Civ.%2021567.2017.pdf" type="application/pdf; length=8077048">Cass. Civ. 21567.2017.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Tue, 03 Oct 2017 14:21:08 +0000 admin 1485 at http://www.fallimentiesocieta.it Societario: effetti dichiarazione recesso socio da società; trasformazione società di persone in società di capitali; clausola compromissoria; devoluzione competenza controversie tra socio e società ad autorità giudiziaria. http://www.fallimentiesocieta.it/content/societario-effetti-dichiarazione-recesso-socio-da-societ%C3%A0-trasformazione-societ%C3%A0-di-persone <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Societario: effetti dichiarazione recesso socio da società; trasformazione società di persone in società di capitali; clausola compromissoria; devoluzione competenza controversie tra socio e società ad autorità giudiziaria.</span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Mar, 19/09/2017 - 19:44</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p class="MsoNormal" style="text-align: justify;"><span style="color: #1a171b; font-family: Garamond, serif; font-size: 18.6666660308838px; line-height: 20.0063037872314px;">Corte di Cassazione, sez. VI civ.13 luglio 2017, n. 21036, (dep. 11 settembre 2017). Presidente: SCALDAFERRI. Relatore: MARULLI.</span></p><p class="MsoNormal" style="text-align: justify;"><span style="font-size: 14.0pt; font-family: 'Garamond','serif'; color: #1a171b;">La dichiarazione di recesso del socio da una società produce i suoi effetti nel momento in cui la volontà del socio di sciogliersi dal vincolo societario viene portata a conoscenza della società. Da questo momento, il socio diventa un terzo, indifferente rispetto alle vicende (successive al recesso) che riguardino la società, come ad esempio la trasformazione della stessa da società di persone in una societàdi capitali che preveda nel proprio statuto una clausola compromissoria per la risoluzione delle controversie. Di conseguenza, tutte le controversie tra il socio e la società di persone, trasformatasi solo successivamente in una S.R.L., sono devolute alla giurisdizione ordinaria e non rimesse ad un collegio arbitrale.&nbsp;</span><span style="font-size: 14.0pt; font-family: 'Garamond','serif'; mso-bidi-font-family: 'Bookman Old Style';">(<em>Redazione</em>)(<em>Riproduzione riservata</em>). </span></p><p>&nbsp;</p><p class="MsoNormal" style="text-align: justify;"><span style="font-size: 14.0pt; font-family: 'Garamond','serif'; mso-bidi-font-family: 'Bookman Old Style';">&nbsp;</span></p></div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Cass.%20civ.21036.2017.pdf" type="application/pdf; length=2748994">Cass. civ.21036.2017.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Tue, 19 Sep 2017 17:44:49 +0000 admin 1438 at http://www.fallimentiesocieta.it Societario: competenza della sezione specializzata in materia di imprese in ordine a cause concernenti richieste di risarcimento danni all'ex amministratore delegato per concorrenza sleale e abuso delle informazioni aziendali. http://www.fallimentiesocieta.it/content/societario-competenza-della-sezione-specializzata-materia-di-imprese-ordine-cause <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Societario: competenza della sezione specializzata in materia di imprese in ordine a cause concernenti richieste di risarcimento danni all&#039;ex amministratore delegato per concorrenza sleale e abuso delle informazioni aziendali.</span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Lun, 04/09/2017 - 09:22</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p><span style="color: #1a171b; font-family: Garamond, serif; font-size: 18.6666660308838px; line-height: normal; text-align: justify;">Corte di Cassazione, sez. VI civ. 16 febbraio 2017, n. 20508, (dep. 29 agosto 2017). Presidente: AMENDOLA.&nbsp; Relatore: OLIVIERI</span></p><p><span style="line-height: normal; text-align: justify; font-size: 14pt; font-family: Garamond, serif; color: #1a171b;">È competente la sezione specializzata<span class="m_-2072551390092233560m_8070111434794165723gmail-apple-converted-space">&nbsp;</span>in materia di<span class="m_-2072551390092233560m_8070111434794165723gmail-apple-converted-space">&nbsp;</span>imprese<span class="m_-2072551390092233560m_8070111434794165723gmail-apple-converted-space">&nbsp;a giudicare in ordine a cause in cui la società chieda i danni&nbsp;</span>all’ex<span class="m_-2072551390092233560m_8070111434794165723gmail-apple-converted-space">&nbsp;</span>amministratore delegato<span class="m_-2072551390092233560m_8070111434794165723gmail-apple-converted-space">&nbsp;</span>per<span class="m_-2072551390092233560m_8070111434794165723gmail-apple-converted-space">&nbsp;</span>concorrenza sleale<span class="m_-2072551390092233560m_8070111434794165723gmail-apple-converted-space">&nbsp;</span>e<span class="m_-2072551390092233560m_8070111434794165723gmail-apple-converted-space">&nbsp;</span>abuso delle<span class="m_-2072551390092233560m_8070111434794165723gmail-apple-converted-space">&nbsp;</span>informazioni aziendali. &nbsp;</span><span style="color: #500050; line-height: normal; text-align: justify; font-size: 14pt; font-family: Garamond, serif;">(<em>Redazione</em>)(<em>Riproduzione riservata</em>).</span></p></div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Cass.%20Civ.20508.2017.pdf" type="application/pdf; length=4137574">Cass. Civ.20508.2017.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Mon, 04 Sep 2017 07:22:16 +0000 admin 1429 at http://www.fallimentiesocieta.it Societario: legittimazione attiva e passiva della società tramite i suoi amministratori, nei rapporti processuali da instaurarsi o da proseguire per l'accertamento dei diritti patrimoniali, pur se coinvolti nel concordato. http://www.fallimentiesocieta.it/content/societario-legittimazione-attiva-e-passiva-della-societ%C3%A0-tramite-i-suoi-amministratori-nei <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Societario: legittimazione attiva e passiva della società tramite i suoi amministratori, nei rapporti processuali da instaurarsi o da proseguire per l&#039;accertamento dei diritti patrimoniali, pur se coinvolti nel concordato. </span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Ven, 01/09/2017 - 16:46</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p class="MsoNormal" style="text-align: justify;"><span style="line-height: 20.0063037872314px; font-size: 14pt; font-family: Garamond, serif;">Tribunale di Udine,&nbsp;</span><span style="line-height: 20.0063037872314px; font-size: 14pt; font-family: Garamond, serif; color: #1a171b;">sez. civ., 16 agosto 2017, (dep. 23 agosto 2017). Giudice delegato: ZULIANI.</span></p><p class="MsoNormal" style="text-align: justify;"><span style="font-size: 14.0pt; font-family: 'Garamond','serif'; mso-bidi-font-family: Arial;">In virtù della procedura concordataria la “<em>società – in persona dei suoi organi rappresentativi – conserva, non solo la titolarità (come avviene nello stesso fallimento), ma anche l’amministrazionedei propri diritti, pur ceduti ai creditori, essendo il liquidatore giudiziale soltanto un mandatario per l’esecuzione del concordato, sicché – in mancanza di una disposizione analoga a quella dell’art. 43 legge fall. – permane la legittimazione attiva e passiva della società, tramite i suoi amministratori, nei rapporti processuali da instaurarsi o da proseguire per l’accertamento dei diritti patrimoniali, pur se coinvolti nel concordato</em>”. Di conseguenza deve essere esclusa la legittimità della cancellazione di detta società finché prosegue la liquidazione giudiziale, se non altro perché la società continua ad essere l’unica titolare dei diritti di cui si dispone in esecuzione del concordato e l’unica legittimata attiva e passiva nei processi che la coinvolgono. </span><span style="font-size: 14.0pt; font-family: 'Garamond','serif'; color: #1a171b;">&nbsp;</span><span style="font-size: 14.0pt; font-family: 'Garamond','serif'; mso-bidi-font-family: 'Bookman Old Style';">(<em>Redazione</em>)(<em>Riproduzione riservata</em>).</span></p></div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Trib.%20Udine%2023%20agosto%202017%20ud.%2016.08.2017.pdf" type="application/pdf; length=2547475">Trib. Udine 23 agosto 2017 ud. 16.08.2017.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Fri, 01 Sep 2017 14:46:22 +0000 admin 1427 at http://www.fallimentiesocieta.it Societario: presupposti cancellazione ufficio iscrizione nel registro delle imprese della cancellazione di una società. http://www.fallimentiesocieta.it/content/societario-presupposti-cancellazione-ufficio-iscrizione-nel-registro-delle-imprese-della <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Societario: presupposti cancellazione ufficio iscrizione nel registro delle imprese della cancellazione di una società.</span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Ven, 01/09/2017 - 16:40</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p class="MsoNormal" style="text-align: justify;"><span style="line-height: 20.0063037872314px; font-size: 14pt; font-family: Garamond, serif;">Tribunale di Udine,&nbsp;</span><span style="line-height: 20.0063037872314px; font-size: 14pt; font-family: Garamond, serif; color: #1a171b;">sez. civ., 8 agosto 2017, (dep. 21 agosto 2017). Giudice delegato: ZULIANI.</span></p><p class="MsoNormal" style="text-align: justify;"><span style="font-size: 14pt; font-family: Garamond, serif;">La mera titolarità statica di beni e diritti o di rapporti passivi in capo alla società, non è incompatibile con l’estinzione della società conseguente alla cancellazione dal registro delle imprese, </span><span style="font-size: 14.0pt; font-family: 'Garamond','serif'; mso-bidi-font-family: Arial;">essendo a tal fine rilevante soltanto l’eventuale prosecuzione dell’attività d’impresa</span><span style="font-size: 14pt; font-family: Garamond, serif;">. </span></p><p class="MsoNormal" style="text-align: justify;"><span style="font-size: 14pt; font-family: Garamond, serif;">Nella specie, il Tribunale ha rigettato la richiesta di cancellazione d’ufficio </span><span style="font-size: 14.0pt; font-family: 'Garamond','serif'; mso-bidi-font-family: Arial;">della iscrizione nel registro delle imprese della cancellazione di&nbsp;</span><span style="font-size: 14pt; font-family: Garamond, serif;">una società che aveva conferito, </span><span style="font-size: 14.0pt; font-family: 'Garamond','serif'; mso-bidi-font-family: Arial;">prima dell’approvazione del bilancio finale di liquidazione,&nbsp;</span><span style="font-size: 14pt; font-family: Garamond, serif;">un immobile in un trust che altro non è se non un patrimonio separato, non sussistendo i presupposti per detta cancellazione. </span><span style="font-size: 14.0pt; font-family: 'Garamond','serif'; mso-bidi-font-family: 'Bookman Old Style';">(<em>Redazione</em>)(<em>Riproduzione riservata</em>).</span></p><p>&nbsp;</p><p class="MsoNormal" style="text-align: justify;"><span style="font-size: 14.0pt; font-family: 'Garamond','serif'; color: #1a171b;">&nbsp;</span></p></div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Trib.%20Udine%2021%20agosto%202017.pdf" type="application/pdf; length=1203541">Trib. Udine 21 agosto 2017.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Fri, 01 Sep 2017 14:40:44 +0000 admin 1426 at http://www.fallimentiesocieta.it