http://www.fallimentiesocieta.it/tags/altre-procedure it Altre procedure: accordo, ristrutturazione debiti; poteri di verifica; Tribunale; provvedimento inibitoria; art. 182 bis comma VI e comma VII http://www.fallimentiesocieta.it/node/1805 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Altre procedure: accordo, ristrutturazione debiti; poteri di verifica; Tribunale; provvedimento inibitoria; art. 182 bis comma VI e comma VII </span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Ven, 07/09/2018 - 11:06</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Corte di Cassazione, sez. I civ., 19 giugno 2018, n. 16161, (dep. 19 giugno 2018). Presidente: DIDONE. Relatore: TERRUSI.</p> <p>Il provvedimento di all’art. 182 bis, co. 6 e 7, L.F. non può fondarsi esclusivamente su un controllo formale in ordine alla sussistenza della documentazione richiesta, ma deve basarsi anche su una verifica a carattere sostanziale dei presupposti per pervenire ad un accordo di ristrutturazione con le maggioranze richieste e delle condizioni atte ad assicurare il regolare pagamento dei creditori estranei. (<em>Redazione) (Riproduzione riservata</em>).</p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/cASS.%20cIV.%2016161.2018_2.pdf" type="application/pdf; length=3251032">cASS. cIV. 16161.2018.pdf</a></span> </div> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Nota%20a%20Sentenza%20Cass.%20Civ.%2016161.2018_2.pdf" type="application/pdf; length=398258">Nota a Sentenza Cass. Civ. 16161.2018.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Fri, 07 Sep 2018 09:06:26 +0000 admin 1805 at http://www.fallimentiesocieta.it Altre procedure: accordo, ristrutturazione debiti; poteri di verifica; Tribunale; provvedimento inibitoria; art. 182 bis comma VI e comma VII http://www.fallimentiesocieta.it/node/1804 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Altre procedure: accordo, ristrutturazione debiti; poteri di verifica; Tribunale; provvedimento inibitoria; art. 182 bis comma VI e comma VII </span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Ven, 07/09/2018 - 10:59</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Corte d’Appello di Venezia, sez. I civ., 2 marzo 2017, n. 862 (dep. 8 marzo 2017). Presidente: BAZZO. Relatore: RIGONI.</p> <p>Il provvedimento di all’art.182bis, co. 6 e 7, L.F. non può fondarsi esclusivamente su un controllo formale in ordine alla sussistenza della documentazione richiesta, ma deve basarsi anche su una verifica a carattere sostanziale dei presupposti per pervenire ad un accordo di ristrutturazione con le maggioranze richieste e delle condizioni atte ad assicurare il regolare pagamento dei creditori estranei. (<em>Redazione) (Riproduzione riservata)</em>.</p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Nota%20a%20Sentenza%20Cass.%20Civ.%2016161.2018_6.pdf" type="application/pdf; length=398258">Nota a Sentenza Cass. Civ. 16161.2018.pdf</a></span> </div> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Corte%20App.VE%20862.2017_0.pdf" type="application/pdf; length=3856501">Corte App.VE 862.2017.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Fri, 07 Sep 2018 08:59:55 +0000 admin 1804 at http://www.fallimentiesocieta.it Altre procedure: accordo, ristrutturazione debiti; poteri di verifica; Tribunale; provvedimento inibitoria; art. 182 bis comma VI e comma VII http://www.fallimentiesocieta.it/node/1803 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Altre procedure: accordo, ristrutturazione debiti; poteri di verifica; Tribunale; provvedimento inibitoria; art. 182 bis comma VI e comma VII </span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Ven, 07/09/2018 - 10:35</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Tribunale di Treviso, 30 dicembre 2016, (dep. 02 gennaio 2017). Presidente Relatore: PASSARELLI.</p> <p>Il provvedimento di all’art. 182 bis, co. 6 e 7, L.F. non può fondarsi esclusivamente su un controllo formale in ordine alla sussistenza della documentazione richiesta, ma deve basarsi anche su una verifica a carattere sostanziale dei presupposti per pervenire ad un accordo di ristrutturazione con le maggioranze richieste e delle condizioni atte ad assicurare il regolare pagamento dei creditori estranei. (<em>Redazione) (Riproduzione riservata)</em>.</p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Trib.%20Treviso%202.01.2017.pdf" type="application/pdf; length=1918842">Trib. Treviso 2.01.2017.pdf</a></span> </div> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Nota%20a%20Sentenza%20Cass.%20Civ.%2016161.2018_4.pdf" type="application/pdf; length=398258">Nota a Sentenza Cass. Civ. 16161.2018.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Fri, 07 Sep 2018 08:35:36 +0000 admin 1803 at http://www.fallimentiesocieta.it "Le vicende circolatorie dell'azienda nell'amministrazione straordinaria" di Antonio Caiafa. http://www.fallimentiesocieta.it/node/1799 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">&quot;Le vicende circolatorie dell&#039;azienda nell&#039;amministrazione straordinaria&quot; di Antonio Caiafa.</span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Mer, 01/08/2018 - 13:00</span> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Saggio%20CAIAFA_2018_0.pdf" type="application/pdf; length=701381">Saggio CAIAFA_2018.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Wed, 01 Aug 2018 11:00:36 +0000 admin 1799 at http://www.fallimentiesocieta.it Altre procedure: accordo; ristrutturazione debito; art. 182 bis L.F.; pagamento; debiti ulteriori; art. 182 quinquies L.F.; divieto; creditori; azioni esecutive. http://www.fallimentiesocieta.it/node/1795 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Altre procedure: accordo; ristrutturazione debito; art. 182 bis L.F.; pagamento; debiti ulteriori; art. 182 quinquies L.F.; divieto; creditori; azioni esecutive.</span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Mer, 01/08/2018 - 12:29</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Corte di Cassazione, sez. III pen., 1 dicembre 2017, n. 29869, (dep. 3 luglio 2018). Presidente: CAVALLO. Relatore: MENGONI.</p> <p>Il provvedimento di accoglimento della proposta di accordo di ristrutturazione del debito di cui all’art. 182 <em>bis</em>&nbsp;L.F. non impedisce il pagamento dei debiti ulteriori rispetto a quelli espressamente ricompresi nello stesso. Di contro l’adozione del provvedimento di cui al citato 182&nbsp;<em>quinquies</em> L.F. comporta il solo divieto per i creditori ad intraprendere azioni esecutive. (<em>Redazione) (Riproduzione riservata</em>).</p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Cass.%20Civ.%2029869.2018_0.pdf" type="application/pdf; length=2782772">Cass. Civ. 29869.2018.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Wed, 01 Aug 2018 10:29:17 +0000 admin 1795 at http://www.fallimentiesocieta.it Concordato preventivo: falcidiabilità; crediti contributivi; procedure concorsuali minori; natura indisponibile; art. 12 co. 2 L.n. 3/2012; valutazione; convenienza; accordo; parametro; procedura di liquidazione patrimonio. http://www.fallimentiesocieta.it/node/1779 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Concordato preventivo: falcidiabilità; crediti contributivi; procedure concorsuali minori; natura indisponibile; art. 12 co. 2 L.n. 3/2012; valutazione; convenienza; accordo; parametro; procedura di liquidazione patrimonio.</span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Gio, 19/07/2018 - 17:44</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Tribunale di Trento, 19 giugno 2018. Giudice: ATTANASIO.</p> <p>Ammesso che possa essere applicata la falcidiabilità dei crediti contributivi nel concordato ovvero nelle procedure concorsuali minori, al di là della loro natura indisponibile, a mente dell’art. 12, comma 2°, l. n. 3/2012, “Quando uno dei creditori che non ha aderito o che risulta escluso o qualunque altro interessato contesta la convenienza dell’accordo, il giudice lo omologa se ritiene che il credito può essere soddisfatto dall’esecuzione dello stesso in misura non inferiore all’alternativa liquidatoria disciplinata dalla sezione seconda”. Ai fini della valutazione della convenienza dell’accordo, il parametro di riferimento è dunque rappresentato non dall’esecuzione individuale, bensì dalla procedura di liquidazione del patrimonio disciplinata dagli artt. 14 ter e segg. della l. n. 3/2012. (<em>Redazione) (Riproduzione riservata).</em></p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Trib.%20Trento%2019.06.2018.pdf" type="application/pdf; length=177920">Trib. Trento 19.06.2018.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Thu, 19 Jul 2018 15:44:15 +0000 admin 1779 at http://www.fallimentiesocieta.it Altre procedure: amministrazione straordinaria; lavoratore; interesse; diritto di credito risarcitorio; giudice lavoro; cognizione; domande di impugnazione licenziamento; reintegrazione posto lavoro; indennità risarcitoria. http://www.fallimentiesocieta.it/node/1765 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Altre procedure: amministrazione straordinaria; lavoratore; interesse; diritto di credito risarcitorio; giudice lavoro; cognizione; domande di impugnazione licenziamento; reintegrazione posto lavoro; indennità risarcitoria. </span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Lun, 02/07/2018 - 12:39</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Corte di Cassazione, sez. lav., 30 maggio 2018, n. 16443, (dep. 21 giugno 2018). Presidente: PATTI. Relatore: LORITO.</p> <p>Qualora risulti, come nel caso di specie, l’interesse del lavoratore all’accertamento del diritto di credito risarcitorio in via non meramente strumentale alla partecipazione al concorso nella procedura di amministrazione straordinaria, bensì effettivo alla tutela della propria posizione all’interno dell’impresa, spetta al giudice del lavoro la cognizione delle domande di impugnazione del licenziamento, di reintegrazione nel posto di lavoro e di accertamento, nel vigore del testo dell’art. 18 I. 300/1970 come novellato dall’art. 1, co. 42, L. 92/2012, della misura dell’indennità risarcitoria dovutagli”. (<em>Principio di diritto</em>)</p> <p>Nell’ipotesi di impugnazione di licenziamento illegittimo l’ambito cognitorio del giudice del lavoro e del giudice fallimentare è caratterizzato dalla chiara diversità di causa petendi e di petitum tra le domande riguardanti il rapporto, di spettanza del primo, e di ammissione al passivo, di spettanza del secondo atteso, in relazione all’accertamento della illegittimità del licenziamento, l’interesse del lavoratore alla tutela della propria posizione all’interno dell’impresa, sia in funzione di una possibile ripresa dell’attività che per la coesistenza di diritti non patrimoniali e previdenziali, estranei alla realizzazione della par condicio laddove, nella seconda, assume rilievo esclusivamente la strumentalità dell’accertamento dei diritti patrimoniali alla partecipazione al concorso sul patrimonio del fallito. Appare tuttavia coerente ritenere estesa la cognizione del giudice del lavoro, sia in riferimento all’impugnazione del licenziamento disciplinare ed alla correlata domanda di condanna alla reintegrazione nel posto di lavoro senza escludere la cognizione della domanda risarcitoria, siccome conseguenziale delle prime anche con riferimento al nuovo regime di tutele introdotte dall’art.1, comma 42, della legge n.92 del 2012 (c.d. legge Fornero), che ha novellato l’art.18 della legge n.300 del 1970. Le varie ipotesi considerate dalla mutata disciplina normativa si sostanziano, partitamente, nella nullità del licenziamento, in quanto discriminatoria a norma dell’art.3 della legge n.108 del 1990, o perché intimato in concomitanza con il matrimonio, ai sensi dell’art.35 del d.lgs. n.198 del 2006 o, ancora, in violazione dei divieti di cui all’art.54, I, VI, VII e IX comma del d.lgs.n.151 del 2002, ovvero perché riconducibile ad altri casi di nullità previste dalla legge in quanto determinato da un motivo illecito, ai sensi dell’art.1345 cod. civ., o per inefficacia per essere stato intimato in assenza di atto scritto. Il recesso può essere poi annullato, in assenza degli estremi del giustificato motivo soggettivo o della giusta causa, per insussistenza del fatto contestato, o perché rientrante tra le condotte punibili con la sanzione conservativa, sulla base delle previsioni del contratto collettivo, ovvero del codice disciplinare (art.18, quarto comma, legge n.300 del 1970). Il recesso può, ancora, essere dichiarato illegittimo quando non ricorrano gli estremi del giustificato motivo soggettivo o della giusta causa (art.18, quinto comma) o, ancora, in quanto inefficace, per assenza della motivazione, così come stabilito dall’art.2 secondo comma della legge n.604 del 1966, ovvero della procedura prevista dall’art.7 della legge n.300 del 1970 o dall’art.7 della legge n.604 del 1966 (art.18, sesto comma). In tutti i casi in cui debba essere, in conseguenza della dichiarata nullità o del pronunciato annullamento, individuata la sanzione applicabile, reintegratoria, accompagnata da quella risarcitoria diversamente modulata, ovvero pari ad una indennità corrispondente alla retribuzione globale di fatto, maturata dal giorno del licenziamento a quello dell’effettiva reintegrazione, detratto l’aliunde perceptum, ma non inferiore a cinque mensilità, ovvero non superiore a dodici o, ancora, non inferiore a dodici né superiore a ventiquattro, permette di ritenere essendo l’indennità risarcitoria predeterminabile con certezza, secondo una applicazione selettiva, in ragione della accertata nullità, ovvero una volta dichiarata l’illegittimità del licenziamento, derivando la misura dall’anzianità del dipendente, dall’organico, dalle dimensioni dell’attività economica, dal comportamento e dalle condizioni delle parti, ovvero dalla gravità della violazione formale o procedurale commessa dal datore di lavoro, nell’ipotesi di licenziamento comunicato prima dell’apertura del concorso, ovvero dall’organo della procedura successivamente, deve affermarsi che anche l’accertamento dell’entità della indennità risarcitoria competa al giudice del lavoro cui resta inibita, esclusivamente, la pronuncia di condanna attesa la necessaria insinuazione allo stato passivo, in ragione della esclusiva cognizione del giudice del concorso che può essere proposta ai fini di ottenere il riconoscimento con riserva, quale credito condizionale, a norma dell’art.55, terzo comma l.f., all’esito del giudizio introdotto dinanzi al giudice del lavoro. (<em>Caiafa) (Riproduzione riservata)&nbsp;</em></p> <p>&nbsp;</p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Cass.%20Civ.%2016443.2018.pdf" type="application/pdf; length=6804292">Cass. Civ. 16443.2018.pdf</a></span> </div> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/SAGGIO_Caiafa%20fallimentoJobsact_II_1.pdf" type="application/pdf; length=449811">SAGGIO_Caiafa fallimentoJobsact_II.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Mon, 02 Jul 2018 10:39:12 +0000 admin 1765 at http://www.fallimentiesocieta.it Altre procedure: esdebitazione; soddisfazione; parziale; creditori concorsuali; massa; singolo creditore. http://www.fallimentiesocieta.it/node/1757 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Altre procedure: esdebitazione; soddisfazione; parziale; creditori concorsuali; massa; singolo creditore.</span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Mer, 20/06/2018 - 11:21</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Corte di Cassazione, sez. I civ., 26 aprile 2018, n. 15586 (dep. 14 giugno 2018). Presidente: DIDONE. Relatore: PAZZI.</p> <p>Il presupposto per cui l’esdebitazione non può essere concessa quando non siano stati soddisfatti, almeno parzialmente, i creditori concorsuali, deve essere riferito alla massa e non al singolo creditore. (<em>Redazione) (Riproduzione Riservata</em>)</p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Cass.%20Civ.%2015586.2018.pdf" type="application/pdf; length=3288457">Cass. Civ. 15586.2018.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Wed, 20 Jun 2018 09:21:35 +0000 admin 1757 at http://www.fallimentiesocieta.it Altre procedure: amministrazione straordinaria; atto di costituzione in mora; inefficacia; impresa già ammessa alla procedura; commissario straordinario; disponibilità; interruzione prescrizione; credito; domanda insinuazione stato passivo. http://www.fallimentiesocieta.it/node/1724 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Altre procedure: amministrazione straordinaria; atto di costituzione in mora; inefficacia; impresa già ammessa alla procedura; commissario straordinario; disponibilità; interruzione prescrizione; credito; domanda insinuazione stato passivo.</span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Lun, 21/05/2018 - 10:47</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Corte di Cassazione, sez. I civ., 16 marzo 2018, n. 11966 (dep. 16 maggio 2018). Presidente: GENOVESE. Relatore: FICHERA.</p> <p>Nel caso di impresa sottoposta alla procedura di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi, l'atto di costituzione in mora proveniente da creditore è inefficace sia se compiuto direttamente nei confronti dell'impresa già ammessa alla procedura, perché non può più eseguire pagamenti ai sensi dell’art. 49 del d.lgs. n. 270 del 1999 - che richiama l’art. 44 l. fall. -, sia se indirizzato al suo commissario straordinario, il quale non ha la libera disponibilità dei diritti e degli obblighi dell'impresa in procedura, determinando l'interruzione della prescrizione del credito soltanto la presentazione della domanda di insinuazione nello stato passivo.(<em>Principio di diritto</em>).</p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Cass.%20Civ.%2011966.2018_0.pdf" type="application/pdf; length=3597239">Cass. Civ. 11966.2018.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Mon, 21 May 2018 08:47:49 +0000 admin 1724 at http://www.fallimentiesocieta.it Altre procedure: art. 7 co. I terzo periodo L. 3/2012; imposta sul valore aggiunto; illegittimità costituzionale; art. 3 Cost.; art. 97 Cost.; trattamento IVA; pagamento per intero credito IVA, sospensione procedimento; rimessione a Corte Costituzionale. http://www.fallimentiesocieta.it/node/1719 <span class="field field--name-title field--type-string field--label-hidden">Altre procedure: art. 7 co. I terzo periodo L. 3/2012; imposta sul valore aggiunto; illegittimità costituzionale; art. 3 Cost.; art. 97 Cost.; trattamento IVA; pagamento per intero credito IVA, sospensione procedimento; rimessione a Corte Costituzionale.</span> <span class="field field--name-uid field--type-entity-reference field--label-hidden"><span lang="" about="/users/admin" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">admin</span></span> <span class="field field--name-created field--type-created field--label-hidden">Lun, 21/05/2018 - 09:58</span> <div class="clearfix text-formatted field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field__item"><p>Tribunale di Udine, 14 maggio 2018. Giudice: MASSARELLI.</p> <p>Deve essere accolta l’eccezione di illegittimità costituzionale dell’art. 7, co.1, terzo periodo, L. n. 3/2012, limitatamente alle parole “all’imposta sul valore aggiunto” in relazione all’art. 3 Cost. e all’art. 97 Cost. Tale norma rimasta identica sul piano letterale rispetto a quella dell’art. 182ter, co.1, ultima parte, L.F. prevederebbe a pena d’inammissibilità, che nella procedura di accordo di ristrutturazione dei debiti ed anche nel piano proposto dal consumatore, il credito IVA sia sempre pagato per intero, a differenza di quanto possibile per gli altri crediti privilegiati, che sono passibili di falcidia nell’ambito dello stesso piano nel limite della capienza dei beni gravati. Nella specie, Il Tribunale ha dichiarato rilevante e non manifestatamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 7, co.1, terzo periodo, L. n. 3/2012, limitatamente alle parole “all’imposta sul valore aggiunto”, sospendendo il procedimento fino alla decisione della Corte Costituzionale. <em>(Redazione) (Riproduzione Riservata).</em></p> </div> <div class="field field--name-field-allegato field--type-file field--label-above"> <div class="field__label">Allegato</div> <div class='field__items'> <div class="field__item"> <span class="file file--mime-application-pdf file--application-pdf"> <a href="http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Trib.%20Udine%2014.05.2018_2.pdf" type="application/pdf; length=8185139">Trib. Udine 14.05.2018.pdf</a></span> </div> </div> </div> <section class="field field--name-comment-node-provvedimento field--type-comment field--label-hidden comment-wrapper"> </section> Mon, 21 May 2018 07:58:13 +0000 admin 1719 at http://www.fallimentiesocieta.it